• ambiente

    Pallet riciclati che diventano panchine, trentacinque diverse varietà di piante e una stazione: Roma Tiburtina prende vita grazie al progetto Urban Green Garden. Un nuovo format di architettura urbana sostenibile in cui i protagonisti sono gli stessi cittadini: ognuno, infatti, è libero di piantare i semi della propria pianta preferita nei 300 mq della piazza ipogea. E così, spazio a piante ornamentali, spezie e fiori: un modello ispirato al giardino botanico di Villa Adriana a Tivoli, con i suoi “labirinti verdi”. Un luogo che piace alle persone e non solo: il nuovo giardino è stato, infatti, subito popolato da farfalle colorate e grilli canterini, fenomeno piuttosto raro in città.

    Gli orti urbani rappresentano una delle nuove modalità per sviluppare l’inclusione sociale, oltre ad avere un chiaro intento eco-sostenibile. Non si tratta, dunque, soltanto di progetti con impatto ambientale positivo: la creazione di spazi comuni da coltivare e curare insieme ha effetti positivi sia sulla socializzazione in luoghi tipicamente di passaggio come le stazioni, sia sulla valorizzazione di luoghi  – proprio per lo stesso motivo – spesso destinati al degrado e all’incuria.

    L’Urban Garden di Roma Tiburtina è un felice seguito dell’esperimento realizzato a Venezia Santa Lucia, dove l’orto è stato creato tra i binari e in cui sono presenti anche piante aromatiche, da frutto e ortaggi. Esempi di rilievo a livello internazionale li troviamo a Tokyo, dove, con una formula un po’ diversa da quella pensata da Grandi Stazioni, i pendolari possono coltivare ortaggi sul tetto di alcune stazioni o nelle immediate vicinanze, nelle cosiddette Soradofarms messe a disposizione dalla East Japan Railway CompanyUn vero e proprio community garden, che i viaggiatori possono affittare in lotti e che possono coltivare con gli attrezzi messi a disposizione presso la stazione.  E per chi non se la sente ancora di maneggiare zappa e rastrello, può sempre dare una mano con il raccolto stagionale.

    Un orto in stazione, insomma, può essere un’occasione per rallentare un po’ il ritmo delle nostre frenetiche giornate, riappropriarci del territorio e magari scambiare quattro chiacchiere con gli altri viaggiatori.

    di Michela Passarin

Effettua il login per commentare. Altrimenti registrati

Registrati

chiudi

Inserisci i dati

 (*) L'indirizzo email sarà la tua userid per accedere ad Opentreno.it

Dichiarazione di consenso

Letta I'informativa di cui sopra ai sensi dell'art. 13 del D.Igs. 30 giugno 2003, n. 196: per quanto riguarda I'utilizzo del mio indirizzo e-mail per le seguenti finalità: invio da parte di Trenitalia di materiale pubblicitario e promozionale dei propri prodotti e servizi e di quelli delle societa partner operanti nel settore autonoleggio, turismo, alberghiero, ristorazione, arte e cultura, rilevazione del grado di soddisfazione della clientela, partecipazione concorsi a premi.

Cookies

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né; vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e svaniscono con la chiusura del browser) é strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso as altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.

La redazione

  • Carmen Pidalà

    Non far domande e non sentirai menzogne.

    Roma, Italia.

  • Marta Bartolozzi

    "L’umiltà e la semplicità sono le due vere sorgenti della bellezza".

    Roma, Italia

  • Michela Passarin

    Social media, viaggi, arte e scrittura. Parlo poco, osservo molto.

    Roma, Italia

  • Martina Quadrino

    La musica è la lingua dello spirito.

    Roma

  • Alessandro Ribaldi

    Odia parlare in terza persona, ma ama cambiare idea nell'immediato.

    Roma, Italia

  • Ida Suriano

    Troppa verità fa male alla pelle.

    Roma, Italia.

  • Arianna Mallus

    Dubito ergo sum

    Roma, Italia

  • Rossella D’Orio

    "Tutto ciò che vediamo è un punto di vista, non la verità"

    Roma, Italia

  • Antonino Tuttolomondo

    Tedesco di nascita, siciliano nel sangue, romano d'adozione. Poche parole, molti fatti.

    Roma, Italia.

  • Chiara Cianfarani

    Ci sono più cose in cielo e in terra di quante non ne sogni la tua filosofia.

    Roma