• viaggio

    C’è qualcosa nel fischio di un treno che è molto romantico e nostalgico e pieno di speranza.

    (Paul Simon)

    Il viaggio più affascinante è un viaggio antico, graduale, privato e sociale insieme: il viaggio in treno. Il treno  consente di conoscere il cuore segreto dei luoghi più remoti e impenetrabili, permette di far  vivere le storie e le emozioni degli uomini e delle donne che li abitano.

    Un meccanismo sospeso tra suono e ambiente, in bilico tra tempo e spazio in un avvicendarsi continuo di paesaggi naturali e sociali del mondo. Il treno come espressione di sentimenti, atmosfere e pensieri.

    Il treno ti porta anche quando stai fermo a guardarlo, vai dappertutto, fuori e dentro di te, fornisce una narrativa, un inizio, un itinerario e una fine, per questo motivo diventa protagonista indiscusso della letteratura, teatro, pittura, fotografia e musica.

    Ennio Morricone, ad esempio, definisce la potenza evocativa del treno e la carica di emotività che esso inevitabilmente trasmette, come “un elemento che entra nella realtà sonora della partitura musicale, come una percussione scritta dal compositore”.

    Il giornalista Beppe Severgnini ha un nome per tutto questo: terapia dei binari.  Domenica 9 aprile con lo spettacolo La Lingua Misteriosa dei binari al Teatro Morlacchi di Perugia, per chiudere l’11^ edizione del Festival Internazionale del Giornalismo,  racconterà come i treni abbiano attraversato la musica, la letteratura, il giornalismo. Il treno è rappresentato come elemento fondamentale per comprendere l’evoluzione dei costumi e le trasformazioni profonde di un Paese. Secondo l’editorialista del Corriere della sera, l’unico talk show che non conosce crisi è quello che si replica quotidianamente sulle rotaie. Il treno aiuta a pensare.

     

    di Rossella D'Orio

Effettua il login per commentare. Altrimenti registrati

Registrati

chiudi

Inserisci i dati

 (*) L'indirizzo email sarà la tua userid per accedere ad Opentreno.it

Dichiarazione di consenso

Letta I'informativa di cui sopra ai sensi dell'art. 13 del D.Igs. 30 giugno 2003, n. 196: per quanto riguarda I'utilizzo del mio indirizzo e-mail per le seguenti finalità: invio da parte di Trenitalia di materiale pubblicitario e promozionale dei propri prodotti e servizi e di quelli delle societa partner operanti nel settore autonoleggio, turismo, alberghiero, ristorazione, arte e cultura, rilevazione del grado di soddisfazione della clientela, partecipazione concorsi a premi.

Cookies

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né; vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e svaniscono con la chiusura del browser) é strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso as altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.

La redazione

  • Arianna Mallus

    Dubito ergo sum

    Roma, Italia

  • Martina Quadrino

    La musica è la lingua dello spirito.

    Roma

  • Alessandro Ribaldi

    Odia parlare in terza persona, ma ama cambiare idea nell'immediato.

    Roma, Italia

  • Rossella D’Orio

    "Tutto ciò che vediamo è un punto di vista, non la verità"

    Roma, Italia

  • Marta Bartolozzi

    "L’umiltà e la semplicità sono le due vere sorgenti della bellezza".

    Roma, Italia

  • Ida Suriano

    Troppa verità fa male alla pelle.

    Roma, Italia.

  • Carmen Pidalà

    Non far domande e non sentirai menzogne.

    Roma, Italia.

  • Michela Passarin

    Social media, viaggi, arte e scrittura. Parlo poco, osservo molto.

    Roma, Italia

  • Antonino Tuttolomondo

    Tedesco di nascita, siciliano nel sangue, romano d'adozione. Poche parole, molti fatti.

    Roma, Italia.

  • Chiara Cianfarani

    Ci sono più cose in cielo e in terra di quante non ne sogni la tua filosofia.

    Roma