• ambiente

    …e adesso pedala! Hai presente quella due ruote che tieni in cantina, tutta impolverata? Bé, è arrivato il momento di tirarla fuori e iscriverti all’European Cycling Challenge 2017 (#ECC2017EU). Fino al 31 maggio, infatti, è possibile partecipare a una sfida tra i ciclisti urbani di tutta Europa, con l’obiettivo di promuovere la mobilità ciclabile urbana e avvicinare le persone in maniera ludica a un mezzo di trasporto sostenibile. Ora vi spiego come fare.

    European Cycling Challenge: la sfida

     

    Si tratta di una sfida a squadre: basta scaricare l’app Naviki, che monitorerà i percorsi fatti da te e dalla tua squadra (città, azienda, scuola o altro), e partire in sella alla tua due ruote.

    Qualunque mezzo è ammesso purché…sia una bici: vale la bicicletta che hai ricevuto in regalo per il tuo decimo compleanno (magari dopo un’aggiustatina, eh), la bici a noleggio, bike – sharing, bici a pedalata assistita, cargo – bike (non sai cos’è una cargo – bike?! Chi non sa cos’è una cargo – bike! Ok, ecco un link per capire di che si tratta per poi dire, come ho fatto io, ah ok, ma sì che lo sapevo cos’è una cargo – bike!).

    Valgono tutti gli spostamenti che effettui in bici, ma non correre troppo (massimo 45km/h) e non troppo a lungo (massimo 35 km per tratta): si tratta di una sfida sulla mobilità urbana, non una gara di corsa. Per quella, c’è il Giro d’Italia tra qualche giorno. Per tutti gli altri noiosi dettagli, qui trovi il regolamento completo. Qui, invece, trovi l’elenco delle squadre.

     

    Il trasporto su bici in Europa

     

    L’attenzione alla mobilità sostenibile passa anche attraverso una mobilità più a misura d’uomo: se è vero che il trasporto pubblico ha come macro-obiettivo garantire la mobilità su tratte medio – lunghe, il door-to-door è spesso soddisfatto da mezzi più flessibili come la bicicletta, in grado di integrarsi perfettamente all’interno di un piano più ampio di intermodalità nella mobilità urbana.

    In Italia, la percentuale di utilizzo della bicicletta come mezzo di trasporto per gli spostamenti quotidiani è di solo il 3,5%, rispetto a Paesi come l’Austria (8,5%), Paesi Bassi (27%) o la Polonia (7%). Il cicloturismo in Italia vede dei numeri abbastanza buoni, con circa 1 milione di viaggi con pernottamenti e 103 milioni di gite in giornata; la Francia la fa da padrone: oltre 370 milioni di viaggi in giornata e 4 milioni di viaggi che prevedono almeno un pernottamento fuori casa. Insomma, abbiamo un bel margine di miglioramento.

    Se ti sei appassionata/o, qui puoi trovare un approfondimento sullo stato del trasporto su bici in Europa.

     

    di Michela Passarin

Effettua il login per commentare. Altrimenti registrati

Registrati

chiudi

Inserisci i dati

 (*) L'indirizzo email sarà la tua userid per accedere ad Opentreno.it

Dichiarazione di consenso

Letta I'informativa di cui sopra ai sensi dell'art. 13 del D.Igs. 30 giugno 2003, n. 196: per quanto riguarda I'utilizzo del mio indirizzo e-mail per le seguenti finalità: invio da parte di Trenitalia di materiale pubblicitario e promozionale dei propri prodotti e servizi e di quelli delle societa partner operanti nel settore autonoleggio, turismo, alberghiero, ristorazione, arte e cultura, rilevazione del grado di soddisfazione della clientela, partecipazione concorsi a premi.

Cookies

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né; vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e svaniscono con la chiusura del browser) é strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso as altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.

La redazione

  • Martina Quadrino

    La musica è la lingua dello spirito.

    Roma

  • Ida Suriano

    Troppa verità fa male alla pelle.

    Roma, Italia.

  • Chiara Cianfarani

    Ci sono più cose in cielo e in terra di quante non ne sogni la tua filosofia.

    Roma

  • Carmen Pidalà

    Non far domande e non sentirai menzogne.

    Roma, Italia.

  • Marta Bartolozzi

    "L’umiltà e la semplicità sono le due vere sorgenti della bellezza".

    Roma, Italia

  • Arianna Mallus

    Dubito ergo sum

    Roma, Italia

  • Rossella D’Orio

    "Tutto ciò che vediamo è un punto di vista, non la verità"

    Roma, Italia

  • Michela Passarin

    Social media, viaggi, arte e scrittura. Parlo poco, osservo molto.

    Roma, Italia

  • Antonino Tuttolomondo

    Tedesco di nascita, siciliano nel sangue, romano d'adozione. Poche parole, molti fatti.

    Roma, Italia.

  • Alessandro Ribaldi

    Odia parlare in terza persona, ma ama cambiare idea nell'immediato.

    Roma, Italia