• innovazione

    Oggi in tutto il mondo si celebra il World Wi-Fi Day: un’occasione per fare il punto sulla diffusione delle nuove tecnologie e sul digital divide. A quasi 20 anni di distanza dalla prima connessione wi-fi, sono ancora 4 miliardi le persone che non hanno accesso al wireless, impedendo lo sviluppo economico e sociale in molte zone del pianeta. L’evoluzione della società contemporanea rende l’essere connessi non più un lusso, ma una necessità: il mondo digitale, infatti, è sempre più integrato con la realtà fisica, tanto che i confini tra ciò che online e ciò che è offline diventano sempre meno netti.

    Il wi-fi, però, non serve solo per connettersi a Internet e navigare. Ecco, quindi, 4 cose che forse non sai si possono fare con una connessione wireless:

    1. Dipingere con la connessione wireless

     

    Credete sia impossibile? Qualche anno fa Timo Arnall, Jørn Knutsen e Einar Sneve Martinussen hanno realizzato questo video, “illuminando” le connessioni wi-fi della propria città e dando vita a una vera e propria wi-fi art.

    Ma i tre artisti non sono stati gli unici a trarre ispirazione dalla tecnologia senza fili per le proprie opere. Anche Luis Hernan, ricercatore alla Newcastle University, ha trovato il modo di fare arte con il wi-fi, dando vita al progetto Digital Ethereal.

    2. Controllare la dieta

     

    Se stai pensando a una semplice app dove inserire cibi e calorie ingerite, sperando in indulgenti risposte da parte del tuo assistente vocale, sei fuori strada. Nelle smart kitchen si va oltre: è il piatto stesso a riconoscere i cibi e vedere se sono compatibili con la tua dieta. Sensori e collegamento wi-fi rendono lo smart plate in grado di tenere traccia, analizzare e condividere con il tuo smartphone tutto quello che stai mangiando. Volendo, esistono anche pentole e posate che si basano più o meno sugli stessi meccanismi. Insomma, niente più scuse per la prova costume.

    3. Regolare il termostato di casa

     

    Condizionatori regolabili a distanza con una app e una connessione wi-fi, sensori in grado di dirci quanto i nostri elettrodomestici stiano consumando o se qualcuno stia aprendo la porta di casa. La smart home, grazie al wireless, consente l’ottimizzazione dei consumi e un costante monitoraggio di tutto ciò che avviene in casa nostra, anche quando non ci siamo.

    4. Accedere a servizi di prossimità in viaggio

     

    Immagina di essere in stazione ad attendere il treno. La prima cosa che fai – non negarlo – è utilizzare lo smartphone. Grazie al wi-fi presente in stazione, è possibile conoscere promozioni dei negozi vicini, consultare il tabellone di arrivi e partenze e, nel caso fossi appena arrivato, accedere ai servizi del trasporto pubblico locale. Wi-Life Station è un esempio di Internet of Things del settore retail, tanto da essere stato premiato lo scorso anno dai Digital360Awards: il portale è di fatto uno spazio digitale che consente al viaggiatore di orientarsi tra i servizi in stazione, oltre a fornire l’accesso a una connessione wi-fi gratuita. La customer journey si arricchisce grazie a informazioni in tempo reale, fortemente geolocalizzate, fino a creare un’esperienza digitale integrata con la realtà.

    L’organizzazione di Wi-Fi Day ha inserito Wi-Life Station tra i case studies di questa giornata dedicata al wireless.
    Questi sono solo quattro esempi di quello che una connessione wireless consente di fare. La tendenza, sempre più marcata, va verso l’Internet of Things, in cui offline e online si fondono per fornire servizi evoluti, non solo con scopi di marketing, ma anche per quanto riguarda la sicurezza, l’informazione e la cura della salute. Ecco perché è importante l’impegno da parte di aziende e istituzioni nel cercare di superare il digital divide, obiettivo su cui questo World Wi-Fi Day ci porta a riflettere.

    di Michela Passarin

Effettua il login per commentare. Altrimenti registrati

Registrati

chiudi

Inserisci i dati

 (*) L'indirizzo email sarà la tua userid per accedere ad Opentreno.it

Dichiarazione di consenso

Letta I'informativa di cui sopra ai sensi dell'art. 13 del D.Igs. 30 giugno 2003, n. 196: per quanto riguarda I'utilizzo del mio indirizzo e-mail per le seguenti finalità: invio da parte di Trenitalia di materiale pubblicitario e promozionale dei propri prodotti e servizi e di quelli delle societa partner operanti nel settore autonoleggio, turismo, alberghiero, ristorazione, arte e cultura, rilevazione del grado di soddisfazione della clientela, partecipazione concorsi a premi.

Cookies

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né; vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e svaniscono con la chiusura del browser) é strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso as altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.

La redazione

  • Ida Suriano

    Troppa verità fa male alla pelle.

    Roma, Italia.

  • Michela Passarin

    Social media, viaggi, arte e scrittura. Parlo poco, osservo molto.

    Roma, Italia

  • Arianna Mallus

    Dubito ergo sum

    Roma, Italia

  • Carmen Pidalà

    Non far domande e non sentirai menzogne.

    Roma, Italia.

  • Marta Bartolozzi

    "L’umiltà e la semplicità sono le due vere sorgenti della bellezza".

    Roma, Italia

  • Martina Quadrino

    La musica è la lingua dello spirito.

    Roma

  • Chiara Cianfarani

    Ci sono più cose in cielo e in terra di quante non ne sogni la tua filosofia.

    Roma

  • Alessandro Ribaldi

    Odia parlare in terza persona, ma ama cambiare idea nell'immediato.

    Roma, Italia

  • Antonino Tuttolomondo

    Tedesco di nascita, siciliano nel sangue, romano d'adozione. Poche parole, molti fatti.

    Roma, Italia.

  • Rossella D’Orio

    "Tutto ciò che vediamo è un punto di vista, non la verità"

    Roma, Italia