• persone

    Gianturco è uno dei quartieri storici della Napoli industriale: gli anni d’oro hanno visto via Emanuele Gianturco sede di numerosi stabilimenti chimici e raffinerie. Oggi restano pochi edifici a carattere commerciale e, tranne qualche punta di eccellenza come l’impianto Trenitalia, che si occupa anche della manutenzione dei Frecciarossa 1000, il quartiere ha subito negli anni un forte declino.

    Nella stazione di Napoli Gianturco da qualche mese è nata la La Casa del Tempo: un centro polifunzionale con l’obiettivo di offrire assistenza ad anziani e organizzare attività di formazione e reinserimento per ragazzi ex-detenuti. Rete Ferroviaria Italiana (RFI) ha concesso in comodato i locali per ospitare il centro diurno: il rinnovo e l’arredamento sono stati realizzati grazie al sostegno della Fondazione BNL, della Fondazione Terzo Pilastro e Fondazione con il Sud. All’interno del centro ci sarà un’area destinata alla formazione e all’inserimento lavorativo, una riservata alla creatività e alla cultura e un’altra riservata alla consulenza a famiglie e associazioni.

    Il centro viene gestito dal gruppo di imprese sociali GESCO, insieme alla cooperativa sociale Accaparlante e con il sostegno della Fondazione Centro Storico: sono presenti un’aula informatica, una zona formazione destinata all’inserimento lavorativo degli ex-detenuti, un’area riservata alla creatività e alla cultura, e un luogo per la consulenza a famiglie e associazioni del territorio.

    La Casa del Tempo è un luogo di incontro per anziani soli che mira a coinvolgerli con attività ricreative e laboratori: per recuperare la dimensione sociale delle persone, è presente un team di psicologi, animatori e operatori sociali che accolgono gli ospiti, li seguono nelle varie iniziative quotidiane, compresi colazione e pranzo serviti presso il centro.

    La struttura è aperta dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 18.00 e qui è possibile trovare qualche informazione in più per iscriversi e partecipare al progetto.

    Il recupero dei locali di Napoli Gianturco è uno dei tanti tasselli che compongono l’impegno nella responsabilità sociale del Gruppo FS Italiane, in particolare di RFI, che da tempo concede locali dismessi per riutilizzarli a scopo sociale.

     

     

    di Michela Passarin

Effettua il login per commentare. Altrimenti registrati

Registrati

chiudi

Inserisci i dati

 (*) L'indirizzo email sarà la tua userid per accedere ad Opentreno.it

Dichiarazione di consenso

Letta I'informativa di cui sopra ai sensi dell'art. 13 del D.Igs. 30 giugno 2003, n. 196: per quanto riguarda I'utilizzo del mio indirizzo e-mail per le seguenti finalità: invio da parte di Trenitalia di materiale pubblicitario e promozionale dei propri prodotti e servizi e di quelli delle societa partner operanti nel settore autonoleggio, turismo, alberghiero, ristorazione, arte e cultura, rilevazione del grado di soddisfazione della clientela, partecipazione concorsi a premi.

Cookies

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né; vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e svaniscono con la chiusura del browser) é strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso as altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.

La redazione

  • Antonino Tuttolomondo

    Tedesco di nascita, siciliano nel sangue, romano d'adozione. Poche parole, molti fatti.

    Roma, Italia.

  • Michela Passarin

    Social media, viaggi, arte e scrittura. Parlo poco, osservo molto.

    Roma, Italia

  • Rossella D’Orio

    "Tutto ciò che vediamo è un punto di vista, non la verità"

    Roma, Italia

  • Arianna Mallus

    Dubito ergo sum

    Roma, Italia

  • Alessandro Ribaldi

    Odia parlare in terza persona, ma ama cambiare idea nell'immediato.

    Roma, Italia

  • Carmen Pidalà

    Non far domande e non sentirai menzogne.

    Roma, Italia.

  • Marta Bartolozzi

    "L’umiltà e la semplicità sono le due vere sorgenti della bellezza".

    Roma, Italia

  • Chiara Cianfarani

    Ci sono più cose in cielo e in terra di quante non ne sogni la tua filosofia.

    Roma

  • Ida Suriano

    Troppa verità fa male alla pelle.

    Roma, Italia.

  • Martina Quadrino

    La musica è la lingua dello spirito.

    Roma